Netscape Dal 1997 ad oggi…

Si lavora per passione o per guadagno; se si riesce ad unire i due fattori è il lavoro perfetto per te e la mia carriera professionale è sostanzialmente riassunta in questo concetto. Studiata come opportunità seguendo l'evoluzione del web da quando nessuna azienda sapeva cosa fosse un sito o registrare il proprio domino, nata come conseguenza della pubblicazione di un sito ludico sui giochi di ruolo (credo uno dei primi del Biellese), evoluta come autodidatta al lavoro in team con i miei collaboratori per apprendere sempre più professionalmente le tecniche di codifica utili alla mia specializzazione.

Inutile scrivere, la gente non legge più, dicono i guru 8.0 del web. Ma il sottoscritto gradisce tutt'ora, come nel lontano 1997, intraprendere un percorso di fiducia con il cliente. Questo sito non è "pulito", conterrà molte righe di testo forse inutili... ma per comprendere le metodologie di lavoro mie e dei miei collaboratori non servirà leggere tutto. Ogni sezione conterrà una introduzione utile a chi non ha o preferisce non spendere tempo inutile (?), nella quale cercherò di far comprendere ugualmente i metodi, la qualità e le motivazioni per le quali essa deve continuare ad esistere.

Nonostante, infatti, una sempre più perversa industrializzazione nella produzione di siti internet, certe regole nate e sopravvissute da quando il web ha iniziato a "vivere" continuano ad essere valide ed importanti. Non tanto per l'orgoglio artigiano di chi vi scrive, ma sopratutto per seguire e rispettare i criteri imposti dai motori di ricerca. Una casa deve avere buone fondamenta si è soliti dire. Per il web il concetto non è molto diverso: creatività, codifica, validazione, ottimizzazione dei contenuti (testuali e grafici) restano essenziali per partire con il piede giusto, ossia una base tecnica ottimale affinchè il progetto possegga fin da subito il maggior potenziale possibile utile al concetto di SEO organico (ossia la potenza di indicizzazione gratuita).

Lascio al lettore avere la voglia per leggere a fondo, comprendere e prepararsi ad affrontare assieme un percorso utile allo studio e alla realizzazione di un sito internet. Concetto forse reso troppo banale dal mondo stesso che li produce... ma, credetemi, molto più complesso di quello che vogliono farlo sembrare.

La mia storia, capitolo 1: Biella Multimedia


Se il primo input alla mia passione è sicuramente stato il mondo dei videogames (transitato dai classici C64, Amiga e 286), il secondo è stato il sito amatoriale dedicato ai giochi di ruolo, pubblicato su uno dei primi ISP (Internet Service Provider) nell'area biellese: Biella Multimedia. Grazie alla fiducia, trasformatasi nel tempo in amicizia, ed alla disponibilità di Fabio Maffioletti (responsabile), Claudio Maffioletti e Cristian Angelini (tecnici già ai tempi estremamente competenti) ho avuto la possibilità di uscire dalla realtà operaia e aprire la partita IVA che ancora oggi mi permette di operare nel mondo che mio padre mi aveva involontariamente spalancato regalandomi il mio primo Commodore 64, nell'ormai lontano 1984.

Una collaborazione iniziata come tecnico installatore (si, ai tempi serviva ancora) e pian piano trasformatasi, con l'avvento dei primi siti aziendali, in programmazione HTML a tempo pieno. Lo sviluppo e la pubblicazione dei siti aziendali di molte importanti realtà industriali e istituzionali, sia in autonomia, sia in collaborazione con altre agenzie di comunicazioni del territorio, mi ha permesso di focalizzare l'attenzione sulla specifica competenza di codifica HTML, la stessa che ancora oggi mi permette di svolgere con analoga passione la mia attività.

La mia storia, capitolo 2: Impress e BE361°


L'integrazione dei servizi di connessione alla rete delle più importanti aziende nazionali dall'anno 2000, Telecom in primis, ha causato un progressiva decaduta degli ISP del territorio, rendendo sempre più difficile la sopravvivenza di queste strutture. Fortunatamente il progressivo incremento della domanda di attivazione di siti internet ha permesso a tutti i professionisti operanti nel settore non solo di sopravvivere, ma addirittura di crescere e diventare una delle competenze più ricercate nel mercato informatico. Grafici, programmatori frontend e backend hanno vissuto il periodo migliore della propria carriera nel primi anni del nuovo millennio.

Nel 2002, con la chiusura imminente di Biella Multimedia e forte di una seconda collaborazione iniziata fin dal 1997, ho accettato la proposta di Maurizio Ribotti, amministratore unico della maggiore e più imponente agenzia di comunicazione del territorio: la Impress. Trasferita la mia attività presso la sede di via Galimberti come freelance esterno, ho avuto la fortuna di poter parteciapre alla realizzazione di importanti progetti web aziendali e istituzionali.
La codifica HTML non è la professionalità più divertente al mondo ma lavorare in team su siti come La Provincia di Biella, ATL, Unione Industriale Biellese, Ermenegildo Zegna, Oasizegna, Lanificio Cerruti e di molteplici altre industrie tessili e metalmeccaniche del territorio è stato sicuramente un grande stimolo per molti anni a venire.
Un altro capitolo si apre nel 2005, quando Impress si trasforma in BE361° per aprire il suo mercato a Milano e prendendo in carico progetti (e siti) di importanza nazionale quali Desgin Italia, Zona Tortona, Salone del Mobile, Design Library, Fashion Library e molti altri. Lo sviluppo web, inoltre, nel tempo continuava ad evolversi creando professionalità sempre nuove con le quali era di importante stimolo confrontarsi per crescere assieme in team. L'esperienza acquisita in quel periodo, non solo tecnica ma anche di gestione progettuale e umana, è stata unica e fondamentale per poter proseguire la mia attività in completa indipendenza. Non voglio dimenticare nessuna delle persone con cui ho avuto la fortuna di collaborare tra Biella e Milano, per questo non farò nomi e cognomi; ma nel bene e nel male, tra risate e litigi, tra riunioni e confronti, tra tensioni e soddisfazioni personali e di gruppo, resteranno tutti nel mio cuore.

La mia storia, capitolo 3: un'avventura


"Sto partendo per un'avventura…": inizia così una famosa triologia… e come spesso succede a tutti, quando gli eventi e l'esperienza acquisita ti permettono di farlo, si lascia qualsiasi porto per iniziare il viaggio da soli. Nel 2007 infatti, con la chiusura della BE361° e assieme ad due dei miei colleghi in agenzia (Valentina Frate e Cristian Angelini), si è aperta la strada dell'indipendenza con l'apertura dei nuovi uffici di via Candelo 41 a Biella. Non una società, non uno studio professionale ma semplicemente un gruppo di freelance estremamente specializzati e forgiati da tutte le esperienze precedenti e pronti a sviluppare insieme progetti seguendo un allora innovativo metodo di lavoro: il gruppo, la qualità, l'indipendenza e la competenza. Sembrano in questo presente parole comuni, banali, inflazionate ma nel 2007 quando la comunicazione era in mano quasi esclusivamente ad agenzie del settore e i primi sofwtare CMS (Joomla, Wordpress, Magento, etc.) prendevano sempre più piede, inziare un'attività formata da singoli professionisti senza una struttura in comune, con riunioni da remoto via Skype ed ognuno dedicato e competente in un compito esclusivo era una assoluta novità.

Durante questi anni di attività sono stati sviluppati più di 150 siti web di diverse tipologie e molti professionisti si sono alternati nello studio, realizzazione e in molti casi di mantenimento dei progetti. ArtevinoStudio, Linx, Andrea dalla Fontana, Emanuela Bazzan, Davide Gilardino, Simone Torrisi, Enrica Rolando, Cristina Ciamporcero, Pub81, Atlantide, More, Maurizio Ribotti, Massimiliano Maraucci e tanti altri… magari meno continuativi ma sempre molto professionali. Ed ancora oggi, puntando su fattori per me (noi) fondamentali quali la qualità tecnica, l'originalità ed il rispetto del preventivo continuiamo a vivere il nostro lavoro nel rispetto del cliente.

La mia storia, capitolo 4: insegnare


Nel 2009, grazie alla segnalazione di un mio collaboratore, ha inizio un'altra strada della mia professionalità: l'insegnamento. Vengo infatti in contatto tramite l'allora IAL Piemonte (ora Enaip) con il mondo della scuola privata e dei corsi professionali. La docenza dei primi anni, integrata nel corso Tecnico Grafico per il web, è interamente dedicata alla programmazione HTML, CSS e Javascript ed è tuttora parte integrante dello stesso corso riproposto con successo per quasi dieci anni. Ed il termine successo non è quantificabile solo in termini di puro rendimento economico ma bensì in quelli di soddisfazione e gratificazione personale; poter insegnare la tua passione ottenendo in cambio, oltre alla gratitudine delle varie classi, anche una più che buona percentuale di ritorni in ambito di inserimento lavorativo nel settore dei propri alunni più dotati e meritevoli rappresenta per me un guadagno morale altrettanto importante di quello puramente economico.
Nel proseguo degli anni si affiancheranno al corso WEB altri percorsi professionali come il Tecnico Reti, informatica base, apprendistato, fotovoltaico e altri minori e nel 2011 inizia un'altra collaborazione con Città Studi per la docenza nei corsi E-commerce, Marketing e Tecnologo Tessile.

Così come per l'attività di programmatore, anche quella dedicata all'insegnamento mi ha dato modo di collaborare con molte persone e diventa per me difficile nominarle tutte. Ma in particolare e per un grande ringraziamento per le opportunità che mi hanno concesso desidero citare Alberto Ghibò ed Elena Fiore, rispettivamente direttore e tutor di Enaip Biella. E se mai qualcuno tra i miei tanti alunni leggerà queste righe vorrei fosse chiaro quanto ognuno di loro poco o tanto che sia, dal primo anno di docenza all'ultimo, mi abbia regalato un'esperienza che non dimenticherò mai.